Storia e storie
della scuola italiana

di Nicola D'Amico
Bologna, Zanichelli, 2010, pp. xvi + 800

(Gabriele Lucchini, 2010-06-01)

.1   Il libro ha il sottotitolo
      Dalle origini ai giorni nostri.
.2a   In quarta di copertina sono presentati autore e opera.
.2b   L'autore
      Nicola D'Amico è stato per decenni
      uno dei più autorevoli commentatori di politica scolastica.
      Oltre a migliaia di articoli sui maggiori giornali italiani,
      ha scritto, tra l'altro,
      Storia dell'istruzione professionale in Italia (TEM, Milano),
      Adolescenza di una scuola (SEI, Torino),
      Mille anni di scuola a Milano (Comune di Milano ed.),
      Cento anni di scuola italiana (Ed. Il Sole 24 Ore),
      Chi ha cancellato le macchie di Rorschach? (Mursia, Milano).
      Nelle edizioni Zanichelli è autore di
      Insegnare (anche) con il giornale
      ed è coautore, con Cristina D'Amico,
      di uno dei più diffusi e duraturi manuali di educazione civica,
      oggi con il titolo Cittadinanza e Costituzione
.2c   L'opera Storia e storie della scuola italiana
      è destinato agli studenti universitari;
      a chi affronta concorsi per l'insegnamento,
      per la dirigenza o per l'amministrazione;
      a chiunque lavora per la scuola;
      e - per il suo taglio intrigante
      e la riscoperta di pagine finora oscurate -
      a chi semplicemente ama la storia del nostro Paese,
      che costituisce il filo conduttore della narrazione.
      Il libro,
      che si apre con una diffusa premessa
      sulle origini dell'istruzione pubblica nel mondo occidentale,
      costituisce un'assoluta novità nel suo genere.
      Non si tratta, infatti, solo dell'analisi
      - pur puntualissima -
      di leggi e circolari,
      ma di un'opera che considera la scuola
      come un continente animato da uomini e donne che,
      al servizio della società,
      costituiscono essi stessi una conclusa e atipica comunità
      con i suoi riti, i suoi orgogli e i suoi limiti:
      uomini e donne, spesso dimenticati,
      che hanno dato volto e voce alle norme
      e che qui rivivono la loro avventura umana.
      Un'opera a tutto tondo,
      strumento irrinunciabile per lo studio e per la professione,
      ma anche stimolo alla riflessione imparziale e serena.
.3   La struttura del libro è
  i  [frontespizio]
 ii  [colophon]
iii  indice
xiii Prefazione di Giuseppe Tognon
  1  Parte Prima    Le radici.
                    La scuola italiana dalle origini all'alba dell'Unità d'Italia
                    [capitoli 1-2]
 55  Parte Seconda  Dalla Legge Casati alla stagione del positivismo
                    [capitoli 3-8]
155  Parte Terza    La scuola italiana dall'alba del secolo XX
                    alla Prima guerra mondiale
                    [capitoli 9-13]
223  Parte Quarta   La scuola italiana dalla Prima guerra mondiale
                    all'avvento del fascismo
                    [capitoli 14-15]
259  Parte Quinta   La scuola italiana dalla dall'avvento alla caduta del fascismo
                    [capitoli 16-22]
413  Parte Sesta    La scuola della Repubblica dalla genesi alla Scuola media unica.
                    La metamorfosi incompiuta
                    [capitoli 23-26]
503  Parte Settima  Un risveglio che si trasforma in tragedia.
                    La scuola italiana in venti anni di convulsioni.
                    [capitoli 27-31]
585  Parte Ottava   Cambia la scuola elementare:
                    il "bambino cognitivo".enti anni di convulsioni.
                    La maledixzione del faraone sulla Secondaria superiore.
                    [capitoli 32-37]
659  Parte Nona     La tela di Penelope.
                    La scuola italiana all'alba della Seconda Repubblica
                    [capitoli 38-44]
736  Congedo
737  Parte Decima   Apparati
738                 -
739                 Bibliografia
747                 Cronologia essenziale
754                 I numeri della scuola
789                 Indice dei nomi
797                 Indice dei temi trattati
.4   In copertina sono riportate nove immagini:
      maestra e scolari in una classe dell'Ottocento,
      Gabrio Casati, don Giovanni Bosco, Maria Montessori,
      copertina di un quaderno del periodo fascista (1936),
      Giovanni Gentile, Antonio Gramsci, don Lorenzo Milani,
      due ragazzi a scuola oggi.
.5   Mi auguro che vengano resi disponibili in internet,
      anche per aggiornamenti,
      (almeno) "cronologia essenziale" e "indice dei temi trattati".
.6   In WGL sono consultabili:
      >>> gablj4b2.htm   elenco, con link, di atti normativi e documenti
      >>> l-mana.htm     Il sistema educativo [...];
      >>> l-lbind.htm      indice di "Questioni didattiche".
      >>> g230.htm        Insuccessi in Matematica, [...].