PER UNO SCHEDARIO DI
STUDI E ATTIVITÀ DI FRANCESCO SPERANZA

(Gabriele Lucchini, 2008-11-24)

.1   Come stimolo a uno schedario di
      studi e attività di Francesco Speranza
      propongo, com indicato in
      >>> l-fs7,
      --- un estratto di
      >>> l-fs6c,
      --- link di
      >>> l-fs0.
      NB - Sono da documentare, anche, studi e realizzazioni su o con audiovisivi.

.2   Estratto da "Trancesco Speranza" in Matematiche complementatri
I suoi primi interessi scientifici, fin verso il 1970,
lo portarono ad occuparsi di Geometria Differenziale
ed in particolare di Trasformazioni e Teoria delle Connessioni,
avendo come punto di riferimento gli studi di Élie Cartan
(metodo del riferimento mobile e sue estensioni alle connessioni)
e la scuola geometrica italiana.

Dalla metà degli anni '60 e negli anni '70
si occupò di teoria dei grafi
(problemi di automorfismo e colorazioni, soprattutto),
con applicazioni alle categorie.

Dalla fine degli anni '60
partecipò attivamente al vasto movimento di innovazione
della Didattica Matematica in Italia
con testi, interventi promossi dalla comunità matematica,
come: "Nuclei di Ricerca Didattica",
progetti di formazione degli insegnanti promossi dall'UMI e dai COASSI,
formulazione dei nuovi programmi della scuola media,
organizzazione del sistema universitario
(per es. la riforma della laurea in matematica).
Da una iniziale impostazione che si potrebbe definire "rigorista"
passò a posizioni "costruttiviste".

Dalla metà degli anni '80
l'esigenza di approfondire le basi teoriche della Didattica,
lo portò ad occuparsi di problemi di Epistemologia della Matematica,
nella corrente di pensiero,
cui avevano già appartenuto nella prima metà del secolo Federigo Enriques
e, negli anni '60 e '70, Imre Lakatos.
Il suo interesse per tutti i livelli della matematica,
lo portò ad una concezione "fallibilista" di questa,
all'inserimento della Filosofia della Matematica
nella Filosofia della Scienza
e ad un forte interesse per gli aspetti storici
(e, simmetricamente, ad una 'visione filosofica' della storia).

Fondò il gruppo di "Epistemologia della matematica",
fu membro della Commissione Scientifica dell'UMI,
del Consiglio Direttivo della SILFS
(Soc. It. di Logica e Filosofia della Scienza),
del Consiglio Direttivo Nazionale della Mathesis,
della Commissione Italiana per l'Insegnamento della Matematica.

Della sua vasta produzione, che consta di circa trecento lavori,
ricordiamo i suoi libri di testo
che coprono l'arco che va dalle elementari alle medie ed alle superiori,
comprendendo anche testi per la formazione
e l'approfondimento culturale degli insegnanti.

.3  
      >>> l-fs1.txt         mini-indice di Matematica per gli insegnanti di matematica
      >>> l-fs1a.htm     sulla figura 2.2 di Matematica ...
      >>> l-fs1a1.jpg      figura 2.2 di Matematica ...
      >>> l-fs2.txt         mini-indice di Scritti di Epistmologia della Matematica
      >>> l-fs3.htm       indice di "La Logica" in Matematica ... (pp. 121-132)
      >>> l-fs4.htm       file su "Matematica e arte" e contestualizzazione del testo
      >>> l-smq.htm     mini-indice di Insegnare la Matematica [...]
                                 con D. Medici Caffarra e P. Quattrocchi
      >>> gld258.htm    file su "La matematica e la cultura, oggi"
                                 (titolo dell'indice; nel testo non ci solo gli articoli)
      >>> l-fs5.doc       estratto da La Matematica - parole cose numeri figure,
                                 Bologna, Zanichelli, 1984 (libro di testo per la scuola media)
      >>> l-fs6.htm       Matematiche complementari
                                 (copertina, indice, "Francesco Speranza")