Giuseppe Peano
Giochi di aritmetica e problemi interessanti
Firenze, Sansoni, 1983
(cfr. l-gipe1)

Quarta di copertina (trascrizione)

Giuseppe Peano,
uno dei più celebri matematici italiani,
vissuto tra l'Otto e il Novecento,
sviluppò la propria produzione scientifica
in un ampio spettro di ricerche matematiche
nel campo del calcolo infinitesimale,
nella sistemazione assiomatica dei principi dell'aritmetica e della geometria
e nella logica matematica,
di cui fu a lungo, prima di Russel [sic!], leader indiscusso e incontrastato.

Questo libro di Giochi di aritmetica e problemi interessanti,
uscito per la prima volta nel 1924 e più volte ristampato,
si colloca in maniera naturale tra i suoi interessi:
infatti, i problemi dell'insegnamento della matematica
rappresentarono un tema ricorrente nella vita scientifica di Peano
fin dalla fine del secolo scorso,
quando contribuì in modo determiannte alla fondazione di Mathesis,
l'associazione ancor oggi vitale
dei docenti di matematica delle scuole secondarie.
Qui il suo intento era di rendere dilettevole e meno noiosa
l'aritmrtica per i bambini,
sollecitato in questo da un implicito invito presente
negli (allora) nuovi programmi della scuola elementare.
Queste pagine,
scritte con la semplicità e la chiarezza di chi vuole insegnare ai bambini,
sono dilettevoli e niente affatto noiose anche per i grandi;
a rendere affascinante la loro lettura contribuisce anche il fatto che[,]
dietro molti quesiti,
il gusto per i giochi coi numeri o le annotazioni storiche
lasciano [sic!] chiaramente trasparire
lo spirito colto e arguto del matematico piemontese.

[NdR - Cfr. l-gipe5]