da
"Conoscenze dichiaritave
e conosenze procedurali
nell'apprendimento della matematica"
di Riccardo Luccio
in Matematica oggi - dalle idee alla scuola,
Milano, Bruno Mondadori, 1990
(abriele Lucchini; 2006-09-20, 2010-01-18: NB)

      da pag. 48-49
      [...]
      Molto schematicamente,
      le conoscenze dichiarative costituiscono quanto si sa
      attorno ad un determinato campo,
      mentre quelle procedurali costituiscono
      il "sapere" utilizzare operativamente quanto si sa:
      in altri termini,
      to know what (sapere cosa, dichiarativo)
      contro to know how (sapere come, procedurale).
      La differenza tra questi due ordini di conoscenze
      può essere drammatica,
      e le conoscenze percettivo-motorie
      ne danno gli esempi più illuminanti:
      è ben diverso sapere quali tasti di un clarinetto
      vanno chiusi per ottenere una certa nota
      dall'essere in grado di chiuderli.
      [...]

NB - Si possono considerare, anche, "conoscenze cultutali";
         v. >>> rp-codpc.htm.