UMORISMO
<<< rp-matu4

1   estratti da vocabolari/dizionari
(Gabriele Lucchini, 2009-03-31)


Dizionario Enciclopedico Italiano
Roma, Treccani, 1970 (V forg-idu, XII tau-z)
humour [...] s. ingl.
      [voce di origine normanna, equivalente al nostro umore (v.)],
      usato in Italia al masch. -
      Umorismo (v.), tendenza a considerare sorridendo la condizione umana.
umore [...] s.m. [...]
      3. Per influsso dell'ingl. humour, quel particolare modo
      di cogliere il lato ridicolo delle cose e di rilevarlo,
      che è proprio dell'umorismo (v.): un racconto pieno di umore.
umoresco [...]
umorìsmo s. m.
      [der. di umore; nel sign. 2 con influenza dell'ingl. humour (v.)
      "spirito vivace e ironico"]. [...]
      2. Facoltà di percepire e rappresentare
      ciò che suscita il riso e il sorriso,
      non per il solo scopo di divertire (pura comicità),
      e neppnre soltanto per gioco e piacere dell'intelletto
      o per aspro risentimento morale
      (ch'è il carattere dell'arguzia o della satira)
      ma superando l'arguzia, la satira e la comicità
      con una più profonda, pensosa comprensione umana: [...]
      → estratto in >>> rp-umor2.txt
umorista [...]
umoristico [...]

Vocabolario della lingua italiana
Roma, Treccani, 1987: II d-k, 1994: IV s-z
humour [...] s. ingl.
umóre [...] s.m. [...]
      3. Non com. Per influsso dell'ingl. humour, [...]
umorésca [...] composizione musicale [...]
umorésco [...]
umorismo s.m.
      [der. di umore; nel sign. 2 con influenza dell'ingl. humour (v.)]
      [...]
      2. La facoltà, la capacità e il fatto stesso
      di percepire, esprimere e rappresentare
      gli aspetti più curiosi, incongruenti e comunque divertenti della realtà
      che possono suscitare il riso e il sorriso,
      con umana partecipazione, comprensione e simpatia
      (e non per solo divertimento e piacere intellettuale
      o per aspro risentimento morale,
      che sono i caratteri specifici, rispettivamente,
      della comicità, dell'arguzia e della satira):
      uno scrittore, un regista, un disegnatore ricco o povero di u.;
      avere o non avere il senso dell'u., mancare di u.;
      un film, un disegno, un fumetto pieno o privo di u.;
      l'u. del Boccaccio, di Dickens, di Zavattini;
      l'u. dei film di R. Clair;
      u. grafico, che si esprime con disegni, vignette, fumetti;

      [...]
umorista [...] [...]
      è un grande umorista, sa trovare dovunque il lato comico;
      i grandi u. inglesi della narrativa;
      R. Clair e J.Tati sono tra i magghiori umoristi del cinema francese;

      [...]
umoristico [...]

Dizionario Garzanti dei Sinonimi e dei Contrari
diretto da Pasquale Stoppelli, Milano, Garzanti, 1991
umóre2 → umorismo
umorìsmo s.m.
      Sin. humour, comicità, spirito, vis comica, umore (lett.).
umorìsta s.m. e f., agg.
      1 s.m. e f. Anlg. comico Specif. vignettista
      2 agg.       Sin. umoristico.
umorìstico agg.
      1 Sin. comico, spiritoso, umorista
      2 (spreg.) Sin. ridicolo, risibile, grottesco
                      Contr. serio, rispettabile.
      → tabella comico
            >>> rp-umor3.gif

Il vocabolario Treccani Sinonimi e Contrari
Roma, Treccani, 2003
humour [...]
umore [...] s.m. [...]
      4 → (non com.) [capacità di esprimere e rappresentare gli aspetti
      più curiosi e divertenti della realtà
      che possono suscitare il riso e il sorriso, senza malignità]
      Sin. [→ UMORISMO]
umoresco [...] [che esprime umorismo]
      Sin. [→ UMORISTICO (2)]
umorismo s.m. [...]
      [capacità di esprimere e rappresentare gli aspetti
      più curiosi e divertenti della realtà
      che possono suscitare il riso e il sorriso, senza malignità:
      uno scrittore povero di u.]
      Sin. comicità, humour, (non com.) umore, vis comica || Spirito
      • Espressioni: fare dell'umorismo [...]
umorista [...] s.m. e f. [...] agg. [...]
umoristico [...] agg. [...]

Dizionario etimologico della lingua italiana
di Manlio Cortelazzo e Paolo Zolli,
Bologna, Zanichelli, 1980: 2/d-h, 1988: 5/s-z
humour [...]
umore2 [...]
umorismo, s.m, 'modo intelligente, sottile e ingegnoso di
      vedere, interpretare e presentare la realtà,
      ponendone in risalto gli aspetti insoliti, bizzarri e divertenti'
      (1879, TB)
            TB = N. Tommaseo - B. Bellini, Dizionario della lingua italiana,
                    Torino, 1865-1879.

umorista [...]